Trasparenza

Organigramma
approvato in data 28/01/2015
 
Organi sociali
  • Assemblea dei soci
  • Consiglio di amministrazione: Francesco Cioni, Daniele Bertelli, Alberto Cioni
  • Presidente: Francesco Cioni
 
Coordinatore generale: Andrea Campinoti
 
Direzione aziendale
  • Referente dell'area dei Servizi Interni: Daniele Bertelli
  • Referente Qualità: Daniele Bertelli
  • Referente dell'area Tecnico Commerciale: Francesco Cioni
  • RSPP: Francesco Cioni
 
Nel “Decreto Sviluppo” (Decreto Legge n. 83/2012) è previsto l’obbligo per tutte le Pubbliche amministrazioni italiane di pubblicare online in formato aperto, tutti i dati di spesa superiori ai mille euro. “La concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese e l’attribuzione dei corrispettivi e dei compensi a persone, professionisti, imprese ed enti privati e comunque di vantaggi economici di qualunque genere ad enti pubblici e privati, sono soggetti alla pubblicità sulla rete internet”.
Noi non siamo un organo di governo pubblico, ma i nostri lavori finanziati anche con risorse pubbliche, in quanto finalizzati all'inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, avvengono attraverso servizi affidati dall'Asl 11 e i Comuni del Circondario, pertanto ci teniamo ad essere trasparenti, a dimostrazione che la nostra “impresa sociale” si sostiene e si sviluppa in virtù di un ventaglio di servizi offerti, sul territorio, dando vita a concrete opportunità lavorative a soggetti che altrimenti non ne avrebbero.
Per questo motivo nel dicembre 2014 è stato presentato il primo Bilancio Sociale della Cooperativa Sociale Pegaso. Il Bilancio Sociale, scaricabile qui, rappresenta un punto di svolta della Cooperativa, sia nei confronti degli operatori dell'azienda, sia nei confronti dei Portatori di Interesse, Enti Pubblici ma anche associazioni, utenti e familiari. Un atto di trasparenza dovuto in quanto la nostra attività si svolge a stretto contatto con numerosi soggetti che hanno permesso alla Pegaso di diventare quello che è diventata.
Proprio per questo il CDA ha deciso di pubblicare i propri CUD sul sito internet. Un atto non obbligatorio, ma che vuole dimostrare che la cooperazione, ed in particolar modo la cooperazione sociale, non è soltanto quella travolta dagli scandali e dalle inchieste giudiziarie, ma che esistono realtà come la nostra che REALMENTE creano opportunità lavorative per tutti, portando un vantaggio non soltanto alle persone inserite, ma a tutta la comunità.